PIAZZA DONATORI DEL SANGUE

L’ampio piazzale posto tra gli edifici del municipio e della scuola è titolato ai donatori avisini di Miane.

LA PALESTRA COMUNALE

La costruzione, realizzata in tutta la sua interezza nei primi anni ’80, è costituita da un unico corpo di fabbrica e si presenta con un volume trapezoidale a base rettangolare avente le seguenti dimensioni m. 35,60 x 25,15 e m. 7,40 di altezza. Importanti lavori di riqualificazione generale della palestra sono stati eseguiti negli anni 2021 e 2022.

SCUOLA ELEMENTARE

La realizzazione dell’edificio è proceduta secondo tre stralci architettonici e due stralci strutturali. Il progetto dell’impianto, redatto dallo Studio Altieri di Thiene (VI) risale al 1976. I lavori sono stati realizzati in più anni: 1977-1978, 1980, 1985-1986. Attualmente il complesso “ospita”: la scuola elementare (fine anni ’70), media (dal 2017) e la biblioteca comunale (dal 1987).

IL CIPPO COMMEMORATIVO (21 maggio 1988)

Nella giornata di sabato 21 maggio 1988, Miane ospita (nell’area scoperta degli impianti sportivi) i Giochi della Gioventù, presenti 537 alunni della Direzione Didattica di Pieve di Soligo – 2° Circolo. Queste le scuole elementari presenti: Solighetto (123 alunni), Refrontolo (31 alunni), Follina (156 alunni), Valmareno (53 alunni), Miane (174 alunni).

Il programma così si è svolto: ore 9.00, piazzale scuola elementare, inaugurazione dei Giochi della Gioventù 1988.     

Durante questa cerimonia, il presidente Egidio Comin del Gruppo Alpini di Miane, fa dono della bandiera italiana al plesso scolastico di Miane e del cippo commemorativo con il pennone portabandiera.

BIBLIOTECA COMUNALE

Al civico nr.2 di Piazza Donatori del Sangue è presente la Biblioteca Comunale inserita nella parte Ovest della Scuola Elementare. Questa importante realtà culturale svolge un servizio gratuito di prestito libri a favore degli studenti e dei cittadini.

La biblioteca conta (ad oggi 10 luglio 2022) oltre 14.300 testi, è inserita nel sistema bibliotecario informatico del Vittoriese e della Regione Veneto. Questo significa che in pochi giorni si possono richiedere e ricevere (sempre gratuitamente) anche i libri presenti nelle biblioteche comunali delle province venete. La Biblioteca Comunale di Miane (0438 899329) è aperta: martedì e giovedì dalle 10,00 alle 12.00 – dalle 14.00 alle 18.30

Un po’ di storia…

Su impulso dell’Amministrazione Comunale, allora guidata dal Sindaco Giovanni Lucchetta, (va’ sottolineato e reso merito il suo determinante e convinto impegno e sostegno) fu avviato nel 1980 il programma Biblioteca Comunale di Miane. La sede era al pianterreno del Municipio (stanza di destra ora assegnata alle associazioni) svolgeva il servizio di prestito libri (quattro pomeriggi la settimana) e promuoveva qualificanti programmi culturali che in questi nostri tempi, meriterebbero essere riscoperti e ristudiati.

Con la costruzione delle attuali nuove scuole elementari (lavori ultimati nel 1986) nel 1987 la biblioteca venne trasferita nel nuovo edificio scolastico. Protagoniste per tutti quegli anni iniziali furono Antonietta Gentili e Germana Rasera, cui è doveroso ricordare il loro meritevole impegno.

“Aἷμα” (SANGUE) – SCULTURA IN FERRO

Il monumento inaugurato domenica 16 dicembre 2018 celebra i 50 anni della sezione Avis di Miane. L’opera realizzata dall’artista del ferro battuto Valentino Moro è titolata “Sangue” e l’albero rappresenta “L’albero della vita”

A terra, la nuda pietra, accoglie la pianta e ci ricorda che l’assenza del sangue, qui rappresentata dalla zona del tronco priva di vegetazione, non genera vita.

A Miane in Via Pre’ Jacobino da vedere la straordinaria fucina dove lavora l’artista Valentino, l’adiacente parco degli “Alberi inquieti” e lungo la via le artistiche panchine a “servizio” dei camminatori.

ASILO INFANTILE MARIA SPADOTTO

L’attuale scuola materna dedicata alla benefattrice Maria Spadotto è affidata alle religiose della congregazione del Santo Volto fondata nel 1947 dalla Beata Maria Pia Mastena, che nel 1912 a Miane aveva istituito l’asilo in un fabbricato di via San Vito, oggi proprietà privata e sede del Consorzio Agrario.

VIA MARIA SPADOTTO

La via ricorda la Signora Maria Spadotto_ figura centrale nella realizzazione dell’asilo e che per i suoi meriti la Comunità di Miane ha inteso titolare, a suo nome, la via e la scuola materna.

Una targa inserita all’interno dell’asilo ricorda con queste parole le tre personalità che maggiormente si attivarono per avviare il progetto scuola materna: “Maria Spadotto fondatrice Scuola Materna con il Cav. Dr. Luigi Menegazzi fondatore e sostenitore, Lorenzo Bortolini benefattore”.